Salta direttamente ai contenuti
Pulsante 118 Pulsante Punto Insieme Pulsante Tempi di Attesa Pulsante Ufficio Relazioni con il Pubblico
Servizi online Amministrazione trasparente
Accesso prenotazioni online Accesso Referti online Pronto Soccorso Pagamenti online Prenota un posto
Titolo sezione 118

Chi Siamo

La Centrale Operativa del Dipartimento Interaziendale Tecnico 118 (nato dalla fusione delle centrali operative 118 dell'ASL 11 Empoli e dell'ASL 3 Pistoia) ha sede nei locali del presidio ospedaliero del Ceppo a Pistoia.

Nella pratica, per il cittadino che chiama il numero 118 non è cambiato niente.
Il 118 è un servizio pubblico e gratuito di pronto intervento sanitario, attivo 24 ore su 24, coordinato dalla centrale operativa, che gestisce tutte le chiamate per interventi urgenti e di emergenza ed il trasporto sanitario ordinario, inviando personale e mezzi adeguati alle specifiche situazioni di bisogno.

Alla centrale operativa 118 devono rivolgersi tutti i cittadini che ritengono di trovarsi in presenza di un problema, insorto improvvisamente, che necessiti di un intervento sanitario di urgenza, con eventuale trasporto presso un presidio ospedaliero (dolore improvviso al torace, perdita di coscienza, incidenti stradali con ferti, sospetto avvelenamento...)

Durante la telefonata è necessario:
- cercare di mantenere la calma per quanto possibile e rispondere con precisione alle domande dell'operatore. Per un corretto soccorso è, infatti, indispensabile fornire tutte le informazioni necessarie ai soccorritori.
In caso di incidente stradale, per esempio, riferire come è accaduto e il numero di persone coinvolte, informando, se possibile, sulle condizioni degli infortunati.
- Non riagganciare il telefono fino a quando non sarà l'operatore a dirlo. Può succedere che, in attesa dell'arrivo dell'ambulanza, l'operatore del 118 mantenga il contatto telefonico per chiedere maggiori informazioni sull'accaduto e guidare gli eventuali interventi di chi si trova sul posto.

L’attività della centrale operativa non è in alcun modo sostitutiva di quella svolta dai medici di Medicina Generale e/o dei medici di Continuità assistenziale (ex Guardia medica), attività con le quali si integra su specifica richiesta di intervento da parte di detti medici.

Per adempiere a questo flusso di attività la struttura conta sull'intervento di medici, infermieri, personale amministrativo e soccorritori volontari, nonché sull'impiego di mezzi quali l'elisoccorso, le automediche, ambulanze con infermiere 118 a bordo, ambulanze BLSD e le ambulanze per i trasporti ordinari e la logistica maxiemergenze.
La centrale operativa dispone di un sistema informatico e di un apparato di registrazione di tutte le richieste di soccorso. Tutti i numeri da cui partono le chiamate, comprese quelle dalle cabine telefoniche, sono visionabili e quindi rintracciabili.

Le eliambulanze sono mezzi in convenzione con Regione Toscana in cui prestano servizio un medico, un infermiere, oltre al personale di volo ed a tecnici del soccorso alpino. Pegaso viene attivato dalla C.O. 118 in situazioni particolari, su richiesta dei sanitari 118 sul posto. In Regione Toscana sono operativi 3 elicotteri, chiamati Pegaso, di stanza presso le basi di Firenze, Massa e Grosseto.

Le automediche sono mezzi di soccorso avanzato di proprietà della ASL, in cui prestano servizio un medico ed un infermiere della C.O. 118; vengono impiegate soltanto per i casi più gravi e, nel caso sia necessario il trasporto dell'ammalato presso un pronto soccorso, possono avvalersi del supporto di una qualunque altra tipologia di mezzo di trasporto (elicottero, ambulanza con Infermiere, Ambulanza con soccorritori). Sono dislocate in modo strategico nel territorio di competenza della C.O. 118 di Empoli presso 5 diverse postazioni: Empoli (presso il pronto soccorso dell'ospedale "San Giuseppe"), San Miniato (loc. La catena, presso il Centro La Badia), Fucecchio (presso ospedale "San Pietro Igneo"), Castelfiorentino (presso ospedale "Santa Verdiana") e Certaldo (presso il distretto socio-sanitario in piazza dei Macelli). Sono le postazioni base delle cinque automediche, che vengono identificate dalla centrale operativa con la sigla radio "Alfa" a cui segue un identificativo che esplicita la sede operativa di stazionamento (es. per Empoli Alfa Echo,  per San Miniato Alfa Sierra). 

L'equipe sanitaria, quando non impegnata in emergenze-urgenze sul territorio svolge attività clinica nel Pronto soccorso di empoli (ambulatorio 118) e nei Punti di Primo Soccorso, ubicati presso le sedi dell'automedica ed operativi 365 giorni l'anno, H 24. 

Le varie tipologie di ambulanze disponibili sono ubicate presso le sedi delle associazioni di volontariato (Pubbliche Assistenze, Misericordie, Croce Rossa) presenti in tutto il territorio dell’azienda.

- Le ambulanze con infermiere 118 a bordo sono mezzi di soccorso avanzato il cui equipaggio è costituito da un infermiere della C.O. 118 Empoli, due soccorritori ed un autista soccorritore. Le ambulanze con Infermiere vengono definite come una risorsa intermedia la cui versatilità costituisce il punto di forza di questa tipologia di mezzo di soccorso. L'infermiere 118 è abilitato a svolgere manovre avanzate (tra cui somministrazione di farmaci, intubazione orotracheale, gestione del paziente con sospetto infarto) e gestisce in completa autonomia gran parte delle missioni per le quali  viene attivato. Le ambulanze infermieristiche vengono identificate con la sigla radio "India" a cui segue un identificativo che esplicita la sede di stazionamento (in analogia alle automediche), e le sedi di stazionamento operativo sono presso Empoli, Montespertoli, Santa Croce S/A. 
 

- Le ambulanze BLSD sono mezzi di soccorso con a bordo  soccorritori abilitati all'uso del defibrillatore semiautomatico, alla gestione dei pazienti traumatizzati  ed al trasporto di malati. Sono capillarmente distribuite nel territorio, con l'obiettivo di creare una rete in grado di rispondere rapidamente nei casi di arresto cardiaco. Grazie alla importante ed efficace collaborazione tra ASL e volontariato, sono assicurate nel territorio di competenza 17 ambulanze con defibrillatore semiautomatico che costituiscono un modello di efficacia unico nel suo genere. Questi mezzi di soccorso sono impiegati in piena autonomia per le missioni a bassa priorità (identificate come codice bianco o verde), mentre per i casi più gravi possono essere attivate congiuntamente ai mezzi di soccorso avanzato (Automedica, INDIA). Le ambulanze BLSD vengono identificate dalla Centrale Operativa con la sigla "Bravo" a cui segue un numero identificativo (da 1 a 17). Tutti i soccorritori che costituiscono gli equipaggi Bravo sono abilitati all'uso del defibrillatore semiautomatico

- Le ambulanze ordinarie sono ambulanze impiegate per servizi di trasporto di soggetti non in regime di emergenza-urgenza. Ne sono esempio le dimissioni da reparti o pronto soccorso di soggetti non deambulanti.

Al Dipartimento Interaziendale Tecnico 118 è stato assegnato anche il coordinamento regionale della funzione sanità maxiemergenza.

La logistica maxiemergenze è una unità tecnica che viene attivata in caso di eventi maggiori non gestibili con gli strumenti ordinariamente utilizzati dai sistemi sanitari di emergenza urgenza: gli esempi sono calamità naturali, incidenti chimici con rischio di contaminazione per la popolazione, evaquazione di strutture sanitarie...). La sigla radio con la quale si identifica questo mezzo è "Lima Mike" ; l'equipaggio è composto da due infermieri ed un medico. E' in grado di  svolgere funzioni di comando nei casi di particolare difficoltà gestionale oltre al trasporto di presidi sanitari, farmaci ed apparecchiature per la gestione di un numero elevato di pazienti. Lima mike è dotato di due diversi carrelli appendice: in uno si trova alloggiata una tenda pneumatica per la realizzazione di un posto medico avanzato (PMA_ un piccolo pronto soccorso viaggiante,) nell'altro trova spazio una tenda per la decontaminazione di soggetti coinvolti in incidenti chimici.