Salta direttamente ai contenuti
Pulsante 118 Pulsante Punto Insieme Pulsante Tempi di Attesa Pulsante Ufficio Relazioni con il Pubblico
Servizi online Amministrazione trasparente
Accesso prenotazioni online Accesso Referti online Pronto Soccorso Pagamenti online Prenota un posto
Società della Salute
Cosa sono le Società della Salute

La Toscana ha scelto di sviluppare l'integrazione del sistema sanitario con il sistema socio assistenziale attraverso una inedita soluzione organizzativa dell'assistenza territoriale, le Società della salute.
Già indicate nel precedente Piano sanitario regionale 2002-2004, le Società della salute rappresentano una delle innovazioni più importanti della programmazione sanitaria di questi anni.
Esse si configurano come consorzi pubblici senza scopo di lucro, i cui titolari sono le Aziende sanitarie locali e i Comuni. Sono oggetto di sperimentazione nel corso del Piano sanitario regionale 2005-2007.
La costituzione delle Società della salute muove dalla volontà di favorire non solo il coinvolgimento delle comunità locali, delle parti sociali, del terzo settore, nella individuazione dei bisogni di salute e nel processo di programmazione, ma anche dalla necessità di garantire la qualità e l'appropriatezza delle prestazioni, il controllo e la certezza dei costi, l'universalismo e l'equità.
Nell'ambito della sperimentazione il Comune non assume solo funzioni di programmazione e controllo ma ‘compartecipa’ al governo del territorio finalizzato ad obiettivi di salute.
L'azione locale, infatti, diviene un elemento essenziale, nelle strategia regionale di promozione della salute, non solo di integrazione sociale e sanitaria, ma anche di miglioramento della salute attraverso una politica intersettoriale e integrata capace di influenzare i fattori che determinano la salute della popolazione e la qualità dell'ambiente.
Le Società della salute, hanno, quindi, come fine istituzionale la salute e il benessere sociale e non solo l'offerta di prestazioni e hanno come presupposto quello di favorire la partecipazione alle scelte sui servizi socio-sanitari dei cittadini, attraverso le loro rappresentanze istituzionali e associative.
L'unitarietà del sistema è garantita dalla unicità del soggetto di programmazione.
Gli organi della Società della salute sono la Giunta, composta da Sindaci o Assessori delegati dei Comuni e il Direttore Generale dell'Azienda Usl, il Presidente, individuato tra i rappresentanti dei Comuni presenti nella Giunta, il Collegio dei Revisori e il Direttore Tecnico.
L'organo di governo delle Società della salute, la Giunta, assume le funzioni e le competenze che hanno le articolazioni zonali della conferenza dei sindaci.
L'attività delle Società della salute è impostata utilizzando lo strumento del ‘Piano integrato di salute’.

Le SdS nell'Asl 11

Sono due le Società della Salute che fanno riferimento al territorio dell’Asl 11.
Si tratta della Società della Salute di Empoli, costituita il 30 dicembre del 2004, e della Società della Salute Valdarno Inferiore, il cui atto di costituzione è stato firmato il 18 gennaio 2005.
Il 1° febbraio 2005 si è insediata la giunta della SdS Valdarno Inferiore che interessa i comuni di Castelfranco di Sotto, Montopoli Valdarno, Santa Croce sull’Arno e San Miniato.
Il 10 febbraio 2005 invece ha preso forma la giunta della Società della Salute di Empoli che riguarda tutti gli 11 comuni del Circondario Empolese Valdelsa: Capraia e Limite, Castelfiorentino, Cerreto Guidi, Certaldo, Empoli, Fucecchio, Gambassi Terme, Montaione, Montelupo Fiorentino, Montespertoli e Vinci.
La popolazione di riferimento delle due società è di circa 220.000 abitanti: 160.000 per quella di Empoli, i restanti 60.000 per i quattro comuni del Valdarno Inferiore.

A cosa servono le Società della Salute

Il modello sperimentale della Società della Salute ha l’obiettivo di far convergere le diverse competenze e risorse istituzionali, gestionali, professionali delle comunità locali verso obiettivi di benessere dei cittadini nell’ambito di un sistema pubblico.
Lo scopo delle SdS è, come afferma lo Statuto, “la salute ed il benessere fisico, psichico e sociale dei cittadini da realizzare attraverso l’esercizio associato delle attività sanitarie territoriali, specialistiche di base, socio-sanitarie e socio-assistenziali, nonché tramite il controllo dell’impiego delle risorse attraverso il governo della domanda e la promozione dell’appropriatezza dei consumi”. Ma le SdS non si occuperanno solo di sanità, promuoveranno infatti anche l’integrazione e la creazione di una rete di servizi in grado di orientare, guidare e supportare le esigenze degli utenti. Per raggiungere questo ambizioso traguardo sarà necessario muoversi su più fronti e coinvolgere più soggetti operanti nella società civile. Nel far questo saranno e sono già stati presi ad esempio e come riferimento esperienze sorte in altri contesti, sia nazionali che internazionali, ma al contempo s’intende promuovere l’elaborazione di soluzioni sperimentali e innovative che valorizzino le potenzialità presenti nel nostro territorio.
Le Società della Salute, nel territorio di competenza dell’Asl 11 di Empoli, sono due perché il loro livello territoriale di riferimento è quello della zona-distretto: Empoles eValdelsa e Valdarno Inferiore.